Single Blog Title

This is a single blog caption
savetheplanet

La Giornata mondiale dell’Ambiente vista dalla Sanità

Il 5 giugno si celebra in tutto il mondo la Giornata mondiale per l’ambiente. Da qualche mese a questa parte la lotta contro il cambiamento climatico e per la salvaguardia dell’ambiente ha il volto di Greta Thunberg, una ragazzina svedese dalle lunghe trecce bionde e dall’incrollabile forza di volontà. Qualche mese fa Greta ha deciso che ne aveva abbastanza di vedere i grandi (gli adulti in generale e i politici in particolare) azzuffarsi su tante questioni più o meno irrilevanti, tralasciando quella che ai suoi occhi è la questione di gran lunga più importante per il futuro dell’umanità. E ha chiamato a raccolta adolescenti e giovani di tutto il mondo, chiedendo loro di prendere posizione per costringere gli adulti, e in particolare chi ha il potere di cambiare le cose, a invertire la rotta e a iniziare a occuparsi seriamente della salvaguardia del nostro pianeta. 

L’immagine di Greta ha fatto il giro del mondo ed è approdata anche al Centro educativo di Pianoterra alla Sanità, dove accogliamo ogni giorno bambini e adolescenti di età compresa tra i 6 e i 17 anni che vivono nel Rione Sanità di Napoli, proponendo loro attività educative e ludico-ricreative di qualità. Lo scorso 15 marzo, in occasione del primo #SchoolStrike4Climate, lo sciopero per l’ambiente e la lotta al cambiamento climatico, anche i ragazzi del Punto Luce, uno dei progetti attuati nel Centro educativo e parte di un programma nazionale di Save the Children Italia di contrasto alla povertà educativa, hanno voluto dire la loro e, assieme agli educatori, hanno preparato uno striscione su cui hanno scritto i loro nomi – un modo per prendere la parola, in prima persona, assieme a milioni di coetanei in tutto il mondo. Lo striscione è stato poi affisso in bella vista sul ponte Maddalena Cerasuolo, che sovrasta il Rione Sanità.

L’iniziativa del 15 marzo si è inserita in un percorso di educazione all’ambiente che gli educatori del Punto Luce portano avanti già da diversi mesi con i bambini e gli adolescenti che frequentano il centro e che prevede diverse attività e iniziative. Dallo scorso autunno Pianoterra ha aderito a un appello lanciato dall’associazione Pro Natura onlus, un gruppo di residenti del Rione Sanità che hanno deciso di recuperare uno spazio non edificato situato in Penninata di San Gennaro, un’area da anni abbandonata e adibita a discarica informale. Negli spazi ripuliti e riqualificati da Pro Natura quindici bambini che frequentano il nostro centro, di età compresa tra i sei e gli undici anni, hanno iniziato a curare un vero e proprio orto urbano in cui coltivano ortaggi ed erbe aromatiche dedicandosi una volta a settimana ad attività quali la preparazione del terreno, la semina, l’irrigazione e la raccolta dei frutti. L’attività di cura di questo spazio verde è strettamente legata a un’altra attività importante per i bambini e i ragazzi, ossia l’educazione alimentare: ortaggi ed erbe aromatiche, una volta maturi, vengono proposti ai bambini a merenda, magari sotto forma di freschi smoothies, con l’obiettivo di educarli a una sana e corretta alimentazione che sia anche rispettosa dei cicli della natura.

L’educazione all’ambiente al Centro educativo di Pianoterra alla Sanità passa anche attraverso una serie di pratiche quotidiane trasversali a tutti i progettiattuati nel centro: applichiamo con rigore la raccolta differenziata, insegnando ai bambini a riconoscere i diversi materiali per decidere come smaltirli adeguatamente; abbiamo abolito le stoviglie di plastica sostituendole con quelle lavabili, chiedendo anche la collaborazione delle famiglie e il risultato è stato una sensibile riduzione del volume di rifiuti prodotti a ogni merenda o festa; abbiamo integrato i materiali di scarto nei nostri giochi e nelle attività creative che proponiamo ai bambini e ai ragazzi, stimolando la loro creatività e mostrando loro come un pezzo di cartone, una bottiglia di plastica, uno scampolo di tessuto possa avere mille vite prima di finire tra i rifiuti. 

Insomma, con i nostri bambini e ragazzi abbiamo a cuore l’ambiente e il futuro del nostro pianeta, e dal nostro piccolo Centro educativo nel cuore della Sanità cerchiamo di dare il nostro contributo e, soprattutto, di attivarci in prima persona, grandi e piccoli. Perché se c’è una cosa che Greta ci ha insegnato è che ognuno di noi può fare la differenza. 

Buona Giornata dell’ambiente a tutte e a tutti!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.