Single Blog Title

This is a single blog caption

UN ANNO DI NEST – Nido Educazione Servizi Territorio: lotta alla povertà educativa nei quartieri più difficili di Roma, Napoli, Milano e Bari

Si conclude il primo anno di attività del progetto NEST-Nido Educazione Servizi Territorio, un’iniziativa triennale di progettazione partecipata per il contrasto alla povertà educativa minorile promossa dall’Associazione Pianoterra, capofila di un partenariato nazionale comprendente 21 soggetti, e selezionata dall’Impresa Sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile.

Il progetto NEST, lanciato a giugno del 2018, prevede attività educative rivolte a bambini di età compresa tra 0 e 6 anni, servizi per le famiglie e percorsi di sostegno alla genitorialità in quattro grandi città italiane – Napoli, Bari, Roma e Milano.

A distanza di un anno è possibile tracciare un abbozzo di bilancio a partire dai primi risultati raggiunti nei vari hub. Prima di tutto i numeri: in un anno nei quattro hub NEST 230 bambini di età compresa tra 0 e 6 anni hanno partecipato alle attività educative e ludico-ricreative offerte dal progetto; 283 genitori hanno partecipato a incontri e percorsi di rafforzamento delle competenze genitoriali gestiti da pediatri, ginecologhe, nutrizioniste, psicomotriciste e psicologhe; 74 bambini di età compresa tra 0 e 3 anni che non avevano la possibilità di frequentare il nido pubblico si sono potuti iscrivere al servizio educativo e di custodia (SEC).

“NEST è un progetto ambizioso e complesso che accomuna 21 partner di diversa natura, ognuno dei quali svolge un ruolo importantissimo nel panorama progettuale e coinvolge nel progetto personale altamente qualificato e altri enti presenti sul territorio”. È quanto dichiarato da Elisa Serangeli dell’Associazione Pianoterra, coordinatrice nazionale del progetto NEST, che sceglie di accendere i riflettori sulla dimensione di rete che l’intervento prevede e sulla valorizzazione dell’idea di comunità educante, cruciale per il contrasto efficace alla povertà educativa minorile. “Quella di NEST è una struttura a cerchi concentrici al cui cuore pulsano due concetti-mantra: ‘servizi di qualità’ e ‘ascolto del territorio’. Ad oggi possiamo dire che questa iniziativa ha dato i suoi primi frutti. Oltre ai dati relativi alle famiglie che si sono rivolte ai nostri hub, può essere utile menzionare quelli relativi alle reti formali e informali attivate grazie al progetto: in un anno abbiamo stipulato due protocolli di intesa con attori istituzionali, coinvolto 25 enti del terzo settore, 20 enti pubblici e 115 operatori. In alcuni casi si sono formati comitati di quartiere proprio grazie all’azione aggregativa dell’hub NEST. L’offerta di attività educative, di servizi socio-sanitari e di azioni di sostegno al reddito ha fatto comprendere alle famiglie che il nostro unico intento era quello di prestare servizi idonei a individuare prima, e soddisfare poi, i loro bisogni. Si è creata così piano piano una relazione, che oggi possiamo definire di fiducia.

I nuclei familiari sono stati coinvolti integralmente nelle attività e nelle iniziative e supportati nel loro ruolo genitoriale. Il protagonismo delle famiglie, l’assunzione di responsabilità degli operatori coinvolti, il dialogo e la collaborazione tra gli interlocutori territoriali sono gli elementi che fanno funzionare NEST e che hanno permesso di costruire coalizioni miste e integrate capaci di trasformare i contesti educativi territoriali in comunità educanti”.

Leggi l’intervista integrale sul blog Percorsi Con i Bambini.

Per maggior informazioni sul progetto NEST, visita la pagina dedicata al progetto sul nostro sito o i segui su Facebook le pagine degli hub di Roma, Napoli, Bari e Milano.

Per il suo primo anno di attività, l’hub NEST di Napoli ha potuto contare sul sostegno della Nando and Elsa Peretti Foundation.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.